May 16, 2010

P(i)MP my job

3 giorni a Milano a un convegno sul Project Management, c’erano in giro un migliaio di persone che nella vita fanno piu’ o meno quello che faccio io per campare ed e’ stato istruttivo e divertente. Pioveva, ma il buffet era eccellente, dei taxisti e dei loro crucci ho gia’ detto.

Direttamente dal convegno, l’esempio piu’ gettonato se si deve parlare di un progetto dagli esiti contrastati rimani il Terminal 5 di Heatrow, al punto che l’ultimo giorno gli oratori si scusavano con i colleghi inglesi quando lo dovevano citare. Dilbert ha ancora un posto predominante nelle presentazioni di quelli che sentono il dovere di sdrammatizzare e il tizio che parlava di body language deve avere visto per bene tutte le puntate di Lie to me (credo abbia anche il poster di Tim Roth in camera, come dargli torto per altro con quell’accento inglese cosi assolutamente sexy).

Sul lato socio-antropologico, le tattiche di approccio dei project manager sono derivati di quelle degli ingegneri, al terzo che mi chiedeva cosa pensassi della conferenza sui KPI (Key Performance Index) sono stata tentata di rispondere che gli indicatori di performance che mi interessavano erano altri, ma sono buona, molto buona.

May 13, 2010

Analisi sul campo

Dopo 3 giorni di intensa frequentazione e analisi sul campo posso dire che i problemi che affliggono i taxisti milanesi sono:

1) i terun (ancora???) e/o gli immigrati entrambi perche’ sono maleducati

2) la Moratti a pari merito con la crisi globale

3) la pioggia, la nube di cenere e il global warming

May 6, 2010

I received an offer I can’t refuse

I received an offer I can’t refuse, originally uploaded by Littlelakes.

Se vi piace la capocciona da cavallo (nel letto fa un figurone), si compra qui